La San Martino S.c.r.l. si pone come obiettivo prioritario quello di dare risposte efficienti, rapide e adatte alle esigenze dei clienti. Ha sempre fondato la propria filosofia sulla valorizzazione del lavoro dei soci e sulla crescita del territorio in cui opera in sinergia con i clienti stessi.

L’esperienza che ha alle spalle permette di dire con assoluta certezza che solo agendo con serietà e professionalità si possono ottenere risultati e riconoscimenti. Alla San Martino non basta raggiungere la soddisfazione dei clienti, vuole superare le loro attese!

I NOSTRI PARTNER

logo-consicopra-sanmartino-piacenza

Consi Copra, nata da un’esperienza duratura e di successo delle cooperative di servizi aderenti a Confcooperative Piacenza (tra cui San Martino), vanta oggi oltre 200 clienti, più di 4000 addetti e 13 cooperative associate. Consi Copra si propone come partner efficace, professionale e qualificato per l’outsourcing delle aziende del terziario, offrendo un’estesa gamma di servizi creati su misura per il cliente. Consi Copra propone servizi di Ristorazione, delineando menù adatti all’eterogenea richiesta, di Logistica e Trasporti, garantendo l’eccellente gestione dell’intero ciclo logistico, di Manutenzione del verde, vantando il supporto di tecnici specializzati e di macchinari all’avanguardia, di Assistenza Socio-Sanitaria attraverso un’attenta formazione del personale e l’utilizzo di attrezzature di ultima generazione. Il consorzio offre, inoltre, servizi di Facility Management (quali portierato, igiene ambientale, gestione parcheggi, raccolta differenziata di rifiuti), Confezionamento, Pulizie e Sanificazioni.

concopar_partner
Consorzio cooperativa costruttori e cooperative artigiane e affini per lo sviluppo edile abitativo ed industriale s.c.r.l.

Il consorzio Con.Cop.Ar. viene costituito nel 1980 quale strumento di coordinamento di società cooperative e non cooperative operanti sul territorio; la sua attività si articola da subito in prevalenza nel settore abitativo, associando e dando vita a cooperative di progettazione ed edilizie per le quali svolge un ruolo di supporto e di organizzazione generale.
Dal 1986, a seguito di numerose richieste di tanti soci il consorzio promuove la costituzione della cooperativa San Martino.
Dalla sua costituzione il consorzio Con.Cop.Ar. si evolve in continuazione prendendo sempre più la forma di un vero e proprio laboratorio cooperativo ed imprenditoriale che riesce a tradurre in pratica, attraverso progetti aziendali d’avanguardia, la soluzione a bisogni che il territorio esprime.
Oggi  Con.Cop.Ar. S.c.r.l. raggruppa 12 tra cooperative ed altre società operanti prevalentemente sul territorio provinciale  nei  settori  dell’edilizia abitativa, della progettazione, dei servizi alle imprese ed alle persone, della ristorazione collettiva ed educativi.

confcooperative-partner
Confcooperative – Unione provinciale di Piacenza è la struttura territoriale della Confederazione Cooperative Italiane, la maggiore associazione nazionale di rappresentanza e tutela del movimento cooperativo italiano per numero di imprese associate, impegnate nella costruzione di una società solidale e più giusta.
In ragione della funzione sociale costituzionalmente riconosciuta (art. 45) alla cooperazione, ne promuove lo sviluppo, la crescita e la diffusione attraverso le azioni di volta in volta più adeguate. L’azione di Confcooperative si ispira ai principi della dottrina sociale della Chiesa.

alleanza-delle-cooperative-italiane-sanmartino-piacenza
L’Alleanza delle Cooperative Italiane è il coordinamento nazionale costituito dalle Associazioni più rappresentative della cooperazione italiana (AGCI, Confcooperative, Legacoop). Con 43.000 imprese associate rappresenta oltre il 90% del mondo cooperativo italiano per persone occupate (1.200.000), per fatturato realizzato (140 miliardi di euro) e per soci (oltre 12 milioni).
L’Alleanza delle Cooperative nasce per dare più forza alle imprese cooperative. È stato preceduto, negli anni, da molte esperienze concrete, così come testimonia l’attiva collaborazione comune. Già nel 1990 le tre centrali hanno scelto un modello comune di relazioni industriali da cui nascono 15 CCNL e vari organismi bilaterali.